Melissa e Pierluigi: mollare tutto e vivere viaggiando

Melissa e Pierluigi, 2 italiani che hanno scambiato una vita ordinaria con un’alternativa nomade. Melissa, 39 anni, di Brembate (BG), laureata in economia con specializzazione in Amministrazione e controllo. Pierluigi, 33 anni, nato a Napoli, laureato in economia con specializzazione in Marketing. Erano formalmente ben inseriti in una vita standard ma dentro di loro si palesava sempre più il desiderio di cambiamento…

Melissa e Pierluigi

Melissa e Pierluigi

 

MELISSA E PIERLUIGI, COME VI SIETE CONOSCIUTI?

Nel 2009, alla festa di benvenuto per i nuovi assunti organizzata dall’ultima azienda per cui abbiamo lavorato. Da quel momento hanno cancellato le feste di benvenuto 🙂

 

COME NASCE L’IDEA DEL PRIMO LUNGO VIAGGIO INTORNO AL MONDO DEL 2010/11?

Entrambi, da anni, alimentavamo ciascuno per proprio conto il desiderio di intraprendere un cammino di libertà e conoscenza scevro dai condizionamenti di una società che promuove omologazione e annichilamento dell’individuo pensante. Poi, arrivò l’espediente: una vacanza in centro America e il rendersi conto delle infinite alternative agli stili di vita esistenti sul pianeta. Ci comprammo un planisfero e da li a 1 anno iniziavamo a camminare per il mondo zaino in spalla.

 

QUANTI PAESI AVETE ATTRAVERSATO E CON CHE MEZZI DI TRASPORTO?

In quel viaggio “esplorativo” di 1 anno, siamo stati in Sud America (Venezuela, Brasile, Argentina, Cile, Bolivia, Perù, Ecuador, Colombia, Isola di Pasqua), Centro America ( Messico), Sud Est Asiatico (Singapore, Hong Kong, Tailandia, Malesia, Laos, Cambogia, Vietnam), Asia centrale (Nepal- Himalaya e India). Fu un viaggio in cui avevamo deciso di spendere i soldi che avevamo da parte, quindi ci muovevamo in bus e aerei.

 

NEL 2012 AVETE DECISO DI RIPARTIRE, QUESTA VOLTA SOLO BIGLIETTO DI ANDATA E IN BICICLETTA: COME SI ARRIVA ALLA DECISIONE DI MOLLARE TUTTO E PERCHè SU DUE RUOTE?

Dopo avere visto le bellezze del pianeta meraviglioso in cui viviamo e aver capito che non solo non è necessario ma è anche dannoso vivere in un sistema fatto di catene, non potevamo più tornare indietro! Senza soldi, cerchiamo un modo per rendere “la vita di viaggio” autosostenibile. Quindi azzeriamo i costi di trasporto con le biciclette e quelli di alloggio con la tenda. per le spese di cibo ci finanziamo lavorando l’artigianato, scrivendo su voglioviverecosiworld.com e cercando lavoretti saltuari.

evolutionary change

 

DOVE SIETE STATI FINORA?

Siamo partiti da Buenos Aires in ottobre 2012, scesi fino in Paraguay e risaliti per la cordigliera delle Ande fino al nord di Cile e Argentina. Abbiamo attraversato l’Uruguay e adesso siamo nel sud del Brasile. la nostra caratteristica non è certo quella di pedalare tutti i giorni, anche se abbiamo già percorso 10mila km. Ci piace fermarci dove l’energia di un posto e della gente riserva un insegnamento importante per l’evoluzione di due cercatori come noi.

 

IN QUESTO MOMENTO SIETE IN BRASILE: IN CHE MODO SOSTENETE I COSTI DELLA VOSTRA PERMANENZA?

Siamo ospiti a casa di un caro amico conosciuto 1 mese fa nella comunità sciamanica che stiamo frequentando. Per il cibo, vendiamo artigianato che produciamo: bracciali, collane e cavigliere di Macramè, incastoniamo pietre, intagliamo e dipingiamo il cuoio per la realizzazione di Patuà. Infine, abbiamo ancora dei risparmi del nostro ultimo lavoro di 3 settimane a San Pedro di Acatama ( Cile) dove abbiamo fatto un’esperienza alla recepiton di un Ostello e come guida-traduttore nelle escursioni.

 

QUAL E’ L’ESIGENZA CHE VI SPINGE LONTANO DAL VOSTRO PAESE, IN CULTURE DIFFERENTI E A CONTATTO CON LA NATURA?

Intraprendere un cammino di libertà e conoscenza riappropriandoci del nostro diritto alla vita. Qui riusciamo a trovare conoscenze ancestrali per il semplice fatto che esistono ancora popoli nativi e delle alternative di vita e di pensiero sono concretizzabili all’ordine del giorno.

 

QUALI SOLNO LE PAURE CHE SI DEVONO AFFRONTARE DAVANTI AD UNA SCELTA COME LA VOSTRA?

Nessuna paura. Il punto centrale è cambiare prospettiva. Smetterla di preoccuparsi per il futuro e fare l’unica cosa saggia e possibile: pensare al presente. E’ la preoccupazione per il futuro che ti costringe ad un presente pre-fabbricato, che ti hanno venduto come unico presente possibile. E’ così che ci si affanna ad accumulare certezze come famiglia, casa, auto, lavoro e pensione…che poi chissà se sono davvero certezze. Dimenticandosi di vivere la propria leggenda personale, missione di vita.

evolutionary change

 

POSSIBILE DESCRIVERE UNA VOSTRA ‘GIORNATA TIPO’?

Bisogna distinguere tra quando siamo in bici e quando siamo fermi. In bici ci sintonizziamo con i ritmi della natura. Sveglia all’alba, smontiamo la tenda, prepariamo la colazione e le bici. Per le 8/9 del mattino stiamo pedalando. Ogni giorno pedaliamo per circa 6/8 ore inframmezzate da pause e pranzo. Il tutto dipende dalla difficoltà del percorso e delle condizioni atmosferiche. Prima del tramonto abbiamo già montato la tenda e stiamo cucinando. A nanna per le 21 circa accompagnati da un ultimo sguardo alla via lattea. Quando ci fermiamo invece la giornata è interamente dedicata al relax e ai propri interessi.

 

QUAL E’ IL LUOGO O L’ESPERIENZA CHE PIU’ VI HA CAMBIATI?

La comunità sciamanica Nacao Tutumbaiè nel sud del Brasile e la medicina sacra sciamanica Ayahuasca. L’argomento è di tale complessità e profondità che richiederebbe un’intervista tutta a se. Se volete saperne di più vi invitiamo a esplorare la sezione ‘sciamanesimo’ che trovate nel menù ‘spiritualità’ sul nostro sito theevolutionarychange.com.

 

VIVENDO PER COSì TANTO TEMPO LONTANO DAL VOSTRO PAESE D’ORIGINE E’ POSSIBILE MANTENERE RAPPORTI CON FAMIGLIA E AMICI?

Con la famiglia assolutamente si, grazie a skype. Per quanto riguarda gli amici, diciamo che il nostro cambiamento è stato talmente profondo che, come se fossimo morti e rinati, abbiamo iniziato ad attrarre nuovi amici perché nuovi erano gli argomenti in comune. Per noi, amico è, ogni persona che incrocia il nostro ‘cammino’.

evolutionary change

 

COME VENITE ACCOLTI, SOLITAMENTE, DALLE POPOLAZIONI LOCALI?

A differenza di quanto si sia portati a pensare, la gente è molto buona. Spesso veniamo avvicinati da gruppi di curiosi, i quali, dopo aver scambiato qualche parola, finiscono per offrirci un pasto caldo e un letto in cui dormire. Il mondo ti accoglie a braccia aperte. Sorridi e riceverai un sorriso.

 

LA VOSTRA VITA IN QUESTO MOMENTO E’ TOTALMENTE CONTROCORRENTE RISPETTO ALLA MAGGIORANZA. NIENTE CARRIERA, MOLTO BENESSERE: COME CONTAGIARE IL MAGGIOR NUMERO DI PERSONE POSSIBILE?

Il primo passo è fermarsi. Chiuedere fuori il caos del mondo esterno e ‘Creare silenzio’. Il secondo passo è iniziare a riflettere sul proprio stile di vita, come occupate le vostre 24 ore giornaliere? Proiettate la risposta nel tempo e avrete la vostra vita. Vi è piaciuta? La gente crede che la carriera, il matrimonio, la casa e la macchina siano il ‘contenuto’ della propria vita, In realtà, tuttalpiù sono il ‘contenitore’ e per questo continuano a provare un senso di vuoto e alla domanda ‘chi sono?’ continuano a rispondere con il contenitore. Il vero contenuto è dentro di voi, iniziate a liberarvi dall’attaccamento al contenitore e la vostra vera essenza vi si rivelerà.

 

E’ CAMBIATO IN QUALCHE MODO IL RAPPORTO TRA VOI DUE E TRA VOI STESSI DA QUANDO SIETE IN VIAGGIO?

Inevitabile. Siamo in continuo movimento, noi siamo il movimento. Rimanere gli stessi vorrebbe dire non camminare. la nostra vita è molto introspettiva; ogni istante mette in luce pregi, difetti, limiti e paure. Ogni giorno conosciamo qualcosa in più su noi stessi e questo ci porta ad amarci sempre più come singoli e come coppia. Solo volendo bene a noi stessi potremo far spazio per amare gli altri, potrebbe sembrare egoistico ma è una atto estremamente generoso.

evolutionary change

 

ULTIMA DOMANDA: TORNERETE?

Dove? Siamo abitanti del pianeta e per noi i confini sono solo una convenzione politico-sociale. Il nostro viaggio terrestre è iniziato nel momento del concepimento, ma il nostro cammino è indefinito come il nostro spirito è immortale. La nostra casa è la Terra, la nostra casa è dentro di noi.

Se volete seguire Melissa e Pierluigi nel loro cammino thevolutionarychange.com o sulla pagina Facebook  The Evolutionary Change.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

One Comment

  1. Una coppia che va in giro per il mondo, libera da ogni restrizione. È il mio sogno e sapere che si può realizzare mi dà una speranza in più. Continuate così!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*