5 libri da leggere se vuoi fare il giro del mondo

Quanto coraggio ci vuole per fare il giro del mondo? Forse meno di quanto si pensi.

E quanto denaro? Dipende dal tuo spirito di adattamento, dalle tue abilità di viaggiatore, dalle tue aspettative.

Queste storie raccontano di come, ad un certo punto della vita, si decida di seguire i propri sogni abbandonando l’idea che carriera e traguardi professionali siano l’unica fonte di gratificazione personale. Raccontano di imprese riuscite perché supportate dalla fiducia in una grande potenza. Quella del viaggio.

 

5 LIBRI DA LEGGERE SE VUOI FARE IL GIRO DEL MONDO

(Cliccando sul titolo in arancio puoi saperne di più oppure acquistarli)

 

Vagamondo: Il Giro Del Mondo Senza Aerei

Carlo Taglia aveva un buon lavoro nel settore del fotovoltaico, una bella casa in affitto, una moto e diverse passioni legate allo sport. Dal 2005 al 2010 viaggia, si sposta, fa esperienze di volontariato e di lavoro tra Spagna, Kashmir pachistano e Australia. Torna in Italia per assistere la madre nei suoi ultimi mesi di vita e, proprio in quel periodo durato 4 mesi, riceve la lezione più importante della sua esistenza: un amore folle per la vita stessa da una persona che, quella vita, la sta perdendo. Decide di essere felice, di fare solo quello che lo fa stare bene, di realizzare tutti i sogni. Realizzarli subito, perché potrebbe non esserci più tempo. Parte per il grande viaggio: il giro del mondo senza aerei. Questa è la storia di quel sogno, che diventa realtà. E che ha inizio nel 2011. Sull’onda del grande successo di Vagamondo, Carlo decide di pubblicare anche un manuale pratico per il viaggiatore solitario, dove mette a disposizione tutta l’esperienza dei suoi 100.000 km intorno al mondo: La Fabbrica Del Viaggio: Il Manuale Del Vagamondo

vagamondo

 

Mondoviaterra. 467 giorni, 108.000 Km. Senza bucare il cielo

Eddy Cattaneo è un ingegnere ambientale con la febbre del viaggio, quel virus che lo scrittore e reporter R. Kapuschinsky definiva ‘malattia sostanzialmente incurabile’. Quando il richiamo della strada diventa più forte di tutto, si licenzia e decide di realizzare il suo grande sogno: il giro del mondo via terra. Nomade da sempre aveva già viaggiato un anno su e giù per l’Europa dormendo e mangiando su una vecchia Golf e girato l’Italia in sacco a pelo. Per il suo lungo giro intorno al globo molta improvvisazione e pochi itinerari prestabiliti. Si informa solo sulle frontiere difficili da superare. Un solo paio di scarpe per i suoi 108.000 km percorsi via terra in 467 giorni. Riparate più volte nei luoghi più improbabili del pianeta.

mondo via terra

 

 

Il grande sogno. Il giro del mondo senza un soldo in tasca

Quanto costa fare il giro del mondo? Dipende. Matteo Pennacchi, laureato in Scienze della comunicazione a Parigi, è partito con un marsupio allacciato in vita, uno spazzolino, un pò di sapone, qualche aspirina. Costo dell’impresa: 500 dollari. Accettando qualsiasi tipo di passaggio, nutrendosi con la ‘dieta del cammello’ (se ti capita, mangia oggi anche per domani, perché domani non si sa), dormendo ovunque e facendo lavoretti qua e là ha portato a termine la sua impresa. Dopo 3 giri del mondo, resta convinto del fatto che, la più grande ricchezza di un uomo  siano le sue esperienze e non le cose che possiede.

matteo pennacchi

 

Il giro del mondo in barcastop

Vorrei fare il giro del mondo via mare ma non ho una barca, né posso comprarmela, né posso noleggiarla. Che fare? Alberto Di Stefano, ‘bocconiano’ con una carriera già avviata in Investment banking decide di andar per porti e alzare i pollici in cerca di passaggi via mare. Ed è così che si imbarca gratuitamente su mezzi e sogni d’altri: skipper, coppie che fanno il giro del mondo, pensionati che si godono il tempo per mare, imbarcazioni per ricerche marine. Duecento giorni di navigazione dal Mar Mediterraneo all’Australia, coprendo tutto l’emisfero est. Una storia ma anche una guida.

giro del mondo in barcastop

 

The World: A Traveller’s Guide to the Planet (Lonely Planet)

E infine lei, la fidata compagna di tanti viaggiatori indipendenti. Non ha bisogno di presentazioni: è la guida più venduta del pianeta. Nell’era dei viaggi ‘mordi e fuggi’, dei viaggi andata e ritorno in giornata, sembra quasi una sfida. Una spinta ad andare, a trovare il tempo, a crederci. Che bisogna vederlo tutto, il Mondo.

the world lonely planet

 

 

One Comment

  1. viaggiare per me è Vivere

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*